lunedì 6 agosto 2007

Lettera all'ambasciata della federazione russa per il rilascio del Prof. Frantz


Purtroppo il giornalista Ila Mar, che, al fine di liberare il professor Frantz si era infiltrato nelle carceri di Minsk, è stato bloccato in piazza Truphanev e in seguito espulso dal paese (foto ANSiA).

Finisce così anche questo tentativo estremo di liberazione.
Ma non ci fermiamo certo qui:
quella che segue è la lettera inviata dall'hermano querido all'Ambasciata della Federazione Russa in Italia con sede a Roma in via gaeta 5, in cui si chiede l'immediata liberazione del Prof. Frantz Hanz Albert, agli arresti nelle carceri di Minsk dal 5 giugno 2007.

Chiediamo la collaborazione di tutti voi, affinchè il professore possa tornare libero nella sua terra natia.
Pertanto potete copiare e incollare il testo della lettera che segue, aggiungendo in calce il vostro nome e cognome, in un nuovo messaggio di posta da indirizzare alla suddetta ambasciata all'indirizzo email che potete trovare cliccando qui:
.
.
All’Ambasciatore Russo in Italia ed al Governo Russo.
Scrivo questa lettera per comunicare tutto il mio disappunto e la mia disapprovazione per quanto sta accadendo a Minsk, riguardo l’arresto del Prof. Frantz Hanz Albert per il lancio del satellite Molnija XII effettuato il 5 giugno 2007.
So che le culture dei nostri paesi sono differenti, apprezzo tutte le differenze che possono portare a scambi e dialoghi fra le culture, ed ho grande rispetto per la civiltà russa.
Proprio per queste ragioni credo che la libertà d’espressione e soprattutto di informazione dovrebbe essere un diritto universalmente riconosciuto.
Mi appello quindi all’Art.19 della Dichiarazione Universale Dei Diritti Umani che recita quanto segue:
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.”
Chiedo quindi come cittadino lenolese, italiano, europeo e del mondo, in virtù del sopraccitato art. 19 la liberazione immediata di Frantz Hanz Albert.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Vui stat for cull cirvella!

Anonimo ha detto...

Ma anche Ilar Mar è richiuso nelle carceri di Minsk?
Di questo passo rischiate di mangiarvi il panettone tutti insieme nelle segrete della federazione russa.

Clandestino ha detto...

Tranquillo anonimo...
il panettone ce lo mangeremo tutti a Lenola, compreso il prof Frantz.

Per il nostro giornalista Ilar Mar, posso assicurarti che non è stato arrestato ma solo espulso dagli stati della federazione russa, ma non so dirti di preciso dove sia stato spedito.
da quello poco che sappiamo pare ora si trovi in una zona dove fa freddo: che lo abbiano mandato in Siberia?