giovedì 10 gennaio 2008

Alma Tadema

- Egiziani che giocano a scacchi -
Alma Tadema, Pittore Olandese (1836 - 1912)

Quando arretro allo stupore grido alla meraviglia.

Alma Tadema fino a poche ore fa era solo un nome facile che si ricorda bene, ora che mi ritrovo ad ammirare le sue opere sul web sono stupefatto: geniale! Questo artista era di una bravura sovrumana. Non voglio esprimermi sulle sue scelte stilistiche e tematiche quanto invece soffermarmi sulla passione per l’archeologia che lo ha contraddistinto ispirando notevolmente il suo pennello.

Non mi dilungo nemmeno sul raccontarvi di lui, magari ne parliamo sui commenti. Vale la pena sapere che ha lasciato delle opere grandiose, ha fotografato l’antica Roma…direte: ma come è possibile? Guardare per credere! Ha ritratto il colosseo, interni di palazzi, e ha anche concepito con la fantasia una giornata nelle tanto osannate Terme di Caracalla.

Se volete cercate i quadri che vi stuzzicano di più! Purtroppo le immagini disponibili in rete provengono per lo più da siti che ne vendono poster, per questo sono “piccoline”, pazienza.

Se vi rapisce l’idea è aperta ancora per qualche mese una singolare Mostra al Museo Archeologico di Napoli.

Pierrot

10 commenti:

tiz. ha detto...

Ci occupiamo anche di arte...!
Tiz.

Tiz. ha detto...

p.s. C'è un errore nella scrittura di Caracalla.

Pierrot ha detto...

Ciao Tiz,
hai fatto un buon rientro a Bologna?
Tu che sai che Lenola è dura a svernare, lo conoscevi Alma Tadema?

intanto sverno

virtus lenola ha detto...

solo per annunciarvi la nascita del blog della virtus lenola,scambiamo i link?
http://virtuslenola.splinder.com

tiziano ha detto...

Non lo conoscevo francamente, Caro Pierrot. Buon rientro grazie, tutto molto bene:-)
Tiz.

Anonimo ha detto...

SCUSATE : ma lo scoppolino quando esce?

Intruso rosso ha detto...

Quando la "reazione" proviene da sinistra è una cosa buona. Così ci hanno insegnato alla sezione. Specialmente quando i vari D'Alema, Prodi, Rutelli e quant'altri devono continuare a governare a tutti i costi (anche con l'aiuto dell'esercito), e mettiamoci pure Bassolino che è il principale responsabile del caos munnezza. Se questo è quello che volevamo stiamo a posto.
Abbiamo visto tutti come sono stati usati i manganelli a Napoli. Di fronte a quelle immagini siamo tenuti a fare un'autocritica seria.
A Genova abbiamo detto che i manganelli erano "fascisti" perchè a governare c'era il centrodestra. A Napoli i manganelli non fanno male e si devono usare perchè a governare c'è il centrosinistra. Possiamo continuare a tollerare questo ragionamento? Ditemelo voi.
Scusate per l'intrusione e arrivederci.

Seila ha detto...

@ intruso rosso
A Napoli i manganelli non fanno male e si devono usare perchè a governare c'è il centrosinistra.

ah sì? chi l'ha detta questa cavolata?
credo che i manganelli in qualsiasi caso non vadano usati. sono del parere che ogni persona che abbia dato contro all'utilizzo della violenza a genova, almeno per essere coerente con sé stessa e quindi con le proprie ideologie, debba additare le scelte fatte per "contenere" le risse nel napoletano. suppongo che ogni persona, con un briciolo di cervello, si guardi bene dal dichiarare una cosa giusta o sbagliata a seconda del ramo politico che la attua. ogni cosa, a parer mio, va accuratamente studiata per poterne dare un'opinione.
io, che sono contro la violenza, reputo ancora più grave le scelte fatte a napoli (perché fatte da un governo di centro sinistra) che non quelle fatte a genova. ma poi diciamoci la verità: la sinistra che governa in Italia fino a che punto è Sinistra?

Tiziano ha detto...

Ma che c'entrano con "Alma Tadema" i manganelli, Genova, ecc. ecc.
Mi so' perso qualche pezzo!?

...mannaggia la miseria!

E dai se si parla di arte, o di altro, qui, parlate di questo. E rilassatevi pure un attimo ogni tanto! :-)
Tiz.

dimenticato da tutti ha detto...

MA LO SCOPPOLINO ?qualcuno puo pure rispondermi?